Sei in » Cronaca
04/08/2017 | 09:33

Il sinistro avvenuto alle prime ore della giornata. L'uomo sarebbe stato investito mentre era in sella alla sua bicicletta. Sul posto sanitari del 118 ma i soccorsi sono risultati inutili. Giunti anche i Carabinieri per stabilire l'esatta dinamica dei fatti.


Un mezzo del 118


Campi Salentina. Si apre con una notizia tragica questa caldissima e afosa giornata dei primi di agosto.
  
Alle prime ore di oggi, infatti, le strade salentine hanno mietuto una nuova vittima.
  
A perdere la vita a causa di un sinistro stradale un cittadino straniero di cui al momento non si conoscono ancora le generalità e la nazionalità in quanto privo di documenti.
  
Da una prima sommaria ricostruzione sembrerebbe che stesse percorrendo in sella alla sua bicicletta l’arteria stradale che collega Campi Salentina a Squinzano, quando, improvvisamente, sarebbe stato investito da un’autovettura che non si è fermata a soccorrere il malcapitato.
  
Il corpo senza vita è stato notato alcune ore dopo da alcuni passanti che hanno immediatamente dato l’allarme. sul posto sono intervenuti i sanitari del 118, ma i soccorsi sono risultati inutili. Secondo quanto stabilito dopo un primo approssimativo esame da parte del medico legale il decesso sarebbe avvenuto tra l’una e le tre di notte.
  
Sul luogo dell’incidente anche i militari dell’Arma dei Carabinieri che si sono immediatamente messi all’opera per compiere tutti i rilievi del caso e dare un’esatta dinamica a questo nuovo dramma.
  
L’incidente odierno  fa ritornare la mente la serata del 14 giugno scorso, quando, a Lecce, sulla strada che collega il capoluogo a Monteroni e Arnesano, All’altezza della clinica Città di Lecce, una Volkswagen Passat station wagon che viaggiava in direzione Arnesano, forse a causa della scarsa illuminazione, ha travolto un giovane extracomunitario che era in sella ad una bicicletta. Il conducente dell’auto, un 40enne di Carmiano, ha prestato immediati soccorsi al malcapitato ciclista, chiamando il 118.
  
Nonostante l’arrivo tempestivo degli operatori sanitari, che una volta sul luogo hanno praticato il massaggio cardiaco, per la persona travolta non c’è stato nulla da fare: si trattava di un ragazzo 29enne originario del Bangladesh.




Autore: A cura della Redazione

0 commenti inseriti
Hai gradito l'articolo? Commentalo! |